Lavorare in Australia

Più lavori disponibili per gli stranieri

lavorare in australia

Il sottosegretario dell’Immigrazione della Protezione dei Confini tempo fa annunciò che le mansioni di cuoco, muratore e piastrellista sarebbero state aggiunte alla Skilled Occupation List (SOL) dal primo luglio 2014, causa carenza nel settore, senza però eliminare altri tipi di impieghi.
Così ho deciso di informarmi sulla SOL e su come veniva gestita per evitare di fare eventuali errori con i miei clienti.
La SOL si basa sul contributo dell’Australian Workforce and Productivity Agency (AWPA), un ramo indipendente dal governo che ogni anno fa delle proposte sui vari impieghi di cui l’Australia ha più bisogno.
Pertanto, la ragione per cui muratori e piastrellisti sono stati inseriti è l’aumento della domanda per questo tipo di settore, mentre per quanto riguarda i cuochi, il loro lavoro è stato aggiunto per una mancanza di manodopera in ristoranti e caffè.
Come abbiamo già detto, nessun lavoro è stato tolto per far spazio a queste tre new entry, il che vuol dire che i lavori presenti nella SOL ora sono 191.
C’è un altro tipo di lista che si chiama Consolidated Skilled Occupation List (CSOL) in cui ci sono tutte quelle mansioni per cui i lavoratori vengono giudicati estremamente qualificati da molto tempo, così da poter essere assunti dai diversi stati australiani, in base alle proprie necessità.
Cuochi, muratori e piastrellisti erano già nella lista del CSOL, ma sono poi stati anche integrati nella Skilled Occupation List il 1 luglio 2014.

cuoco australia
Per quelli come noi che lavorano nel settore dell’immigrazione da tempo, è stato strano vedere reintegrato nella SOL il lavoro di cuoco, visto che nel 2009 era uno dei lavori più denigrati insieme a quello di parrucchiere perché avevano degli introiti molto scarsi soprattutto per quegli studenti che lavoravano per poter accelerare l’ottenimento della residenza permanente.
L’importanza di lavori come cuoco, muratore e piastrellista è relativa al fatto che se la persona in questione riesce a raggiungere un determinato punteggio nei visti general skilled migration non avranno bisogno della sponsorizzazione e potranno qualificarsi per il tipo di visto che gli permetterà di migrare ovunque in Australia, differentemente dal visto state-sponsored che prevede degli obblighi relativi alla residenza in uno stato particolare.
Probabilmente questi tre lavori sono quelli che trarranno più beneficio, come quello alberghiero e turistico, dalla più bassa valutazione del dollaro australiano, che fino a poco tempo fa era valutato a 1,08 rispetto al dollaro americano, ma che è recentemente sceso allo 0,94, o probabilmente siamo un paese così all’avanguardia da aver capito quali saranno le mansioni di cui si avrà bisogno nei mesi a venire, mentre il settore edile ha beneficiato del tasso di interesse dal 1990.
È anche significativo il fatto che altri lavori non sono stati rimossi dalla lista, indipendentemente dalle mansioni, che però sono state segnalate dall’Australian Workforce and Productivity Agency, come ragioniere, informatico e alcuni ingegneri considerati quasi al limite per ciò che riguarda il loro inserimento nella SOL (puoi ottenere maggiori informazioni sul loro sito).
Per noi dell’ufficio immigrazione è una buona notizia in quanto vuol dire che chiunque può avere accesso a un visto independat skilled e tutti potranno avere la loro opportunità visto che nessun’altra occupazione è stata tolta dalla SOL.
In realtà, la Skilled Occupation List è rimasta abbastanza stabile da quando fu originariamente creata nel maggio del 2010 dal Dipartimento. La settimana prossima andremo a scrivere un articolo in cui parleremo della storia del SOL e del perché non vedere la propria occupazione sulla lista non è la fine del mondo.

Leggi anche:
Opportunità di lavoro più redditizie in Australia

Cosa ne pensi?